Domande Frequenti

I dipendenti pubblici possono ottenere un finanziamento grazie a Prestito Garantito che si occuperà di offrirvi il miglior preventivo sul mercato della cessione del quinto dello stipendio.

La restituzione del prestito per i dipendenti pubblici avviene attraverso addebito su busta paga, la rata è fissa e non può superare mai un quinto dello stipendio.

Il pagamento è quindi operato da parte delle rispettive amministrazioni per i dipendenti pubblici.

I dipendenti pubblici devono avere un contratto a tempo indeterminato.

Il prestito con cessione del quinto è un tipo di finanziamento riservato anche ai pensionati. Con la cessione del quinto il pagamento della rata avviene trattenendola direttamente dal cedolino del pensionato che percepirà una pensione ridotta massimo di un quinto. 

I vantaggi della cessione del quinto sono molteplici: dalla rata fissa al tasso fisso durante tutta la durata del prestito.

L’età massima per richiedere un prestito con cessione del quinto dello stipendio è di 85 anni a fine finanziamento.

Un cliente che ha già in corso una cessione del quinto può richiederne un’altra attraverso il prestito delega, la cui fattibilità viene valutata caso per caso.

In alternativa sarà possibile rinnovare la cessione del quinto se saranno state pagate almeno il 40%  delle rate del finanziamento.

Chi risulta inserito nella lista dei cattivi pagatori, è stato protestato o pignorato può richiedere un finanziamento

Con la cessione del quinto, la retribuzione del prestito viene trattenuta direttamente sulla busta paga
Inoltre la rata è comprensiva di assicurazione vita, inabilità e perdita di impiego.

Queste caratteristiche rendono fattibile l’erogazione del finanziamento anche per un cattivo pagatore.

L’erogazione del prestito avviene in tempi ragionevolmente brevi
Una volta verificata la fattibilità del prestito, il cliente dovrà inviare la documentazione necessaria al proprio consulente.

Quest’ultimo seguirà ogni dettaglio della pratica, dopo la firma del contratto sarà possibile ricevere la cifra richiesta sul proprio conto corrente.

I prestiti con cessione del quinto riservati a dipendenti pubblici, statali e pensionati INPS ed INPS ex INPDAP possono essere erogati senza la necessità di avere garanti, garanzie o giustificazioni di spesa.

Chi percepisce una pensione di invalidilità o assegno sociale purtroppo non può fare richiesta del prestito.

I finanziamenti con cessione del quinto prevedono che il rimborso del prestito venga effettuato tramite trattenute dirette sulla busta paga o cedolino della pensione
Di conseguenza non è possibile erogarli a chi non è in possesso di busta paga.

Si, il prestito con cessione del quinto può essere concesso nonostante la presenza di altre trattenute.

documenti necessari per avviare la pratica del finanziamento con cessione del quinto sono: 

  • una copia del documento di identità fronte-retro, ben leggibile;
  • una copia della tessera sanitaria fronte-retro, ben leggibile;
  • l’ultima busta paga percepita o cedolino della pensione;
  • l’ultimo modello CUD.